In ambito industriale la misura di portata di acqua, gas naturale, vapore, prodotti chimici, olio minerale svolge un ruolo essenziale. Per queste applicazioni possono essere utilizzate varie tecnologie, basate su diversi principi di misura (misuratori di portata elettromagnetici, misuratori di portata massicamassici coriolis o basati sul principio termico, ad ultrasuoni, ad area variabile…). I misuratori di portata elettromagnetici vengono impiegati nei settori della gestione delle acque, nell’industria di processo, nell’industria farmaceutica e alimentare, ma anche nell’industria mineraria, in cui sono particolarmente adatti per la misura di portata di liquidi con solidi sospesi, liquidi abrasivi, liquidi sporchi, miscele sabbia/acqua. Nel tempo, grazie alla ricerca e all’evoluzione tecnologica questi dispositivi di misura sono stati via via migliorati: una grande innovazione è rappresentata dall’utilizzo delle batterie alcaline come fonte di alimentazione. FLOWIZ, la serie di convertitori a batteria per misuratori di portata elettromagnetici ISOMAG della ISOIL Industria, rappresenta senza dubbio la massima evoluzione nel settore sotto tutti i punti di vista.

Misuratore di portata elettromagnetico: che cos’è e come funziona?

I misuratori di portata elettromagnetici sono misuratori di portata volumetrica che non hanno parti in movimento; sono composti da un sensore (che viene installato nelle tubazioni) e un convertitore (per alimentare le bobine e la gestione del segnale elettrico) che può essere installato sul sensore (nella versione compatta) o nelle sue vicinanze (nella versione remota) collegato tramite due cavi.

Il funzionamento del misuratore di portata elettromagnetico si basa sulla legge di Faraday, o legge dell’induzione elettromagnetica.

misuratori di portata elettromagnetici

Quando le particelle elettricamente cariche di un fluido incontrano il campo magnetico artificiale generato da due bobine, viene indotta una tensione elettrica. Questa tensione, intercettata da due elettrodi di misura, è direttamente proporzionale alla velocità del fluido e, quindi, alla portata volumetrica.
Il convertitore (parte elettronica) controlla i parametri del campo magnetico, acquisisce ed elabora il segnale degli elettrodi e fornisce la misura della portata in volume (display, pulse.. ecc).

misurazione di portata elettromagnetica

I misuratori elettromagnetici di tipo full bore o ad inserzione necessitano di due condizioni fondamentali per lavorare accuratamente: Il fluido deve essere conduttivo e la tubazione deve essere sempre piena.
Rispetto alle relative controparti meccaniche, i misuratori di portata elettromagnetici offrono diversi vantaggi: assenza di ostruzioni al flusso e di conseguenza perdite di carico trascurabili, segnale in uscita lineare, stabilità eccezionale sul lungo periodo, massima affidabilità di processo, zero manutenzione, grande accuratezza di misura.

La rivoluzione delle batterie integrate nei flowmeters

L’alimentazione continua a batteria rappresenta un importante passo nell’evoluzione delle tecnologie per la misura di portata. I convertitori con batterie integrate sono indispensabili per l’utilizzo dei flowmeters nelle aree più remote e che non prevedono la possibilità di collegamenti via cavo. ISOIL Industria fornisce soluzioni a batteria dal costo contenuto e facilmente installabili praticamente in qualsiasi luogo senza che vengano meno la precisione o le prestazioni. Grazie alla combinazione di una tecnologia ad alta efficienza e alla gestione avanzata dell‘energia, queste soluzioni assicurano un funzionamento affidabile e di lunga durata.

FLOWIZ: il convertitore a batteria numero uno al mondo

La serie MV di FLOWIZ, la terza generazione di convertitori a batteria per sensori elettromagnetici ISOMAG, è frutto di quindici anni di esperienza dell’azienda nello sviluppo e nel miglioramento continuo del FLOWIZ dalla sua introduzione sul mercato nel 2004.
I modelli MV255 e MV145 sono dotati di modem integrato e data-logger interno; la comunicazione dei dati wireless si affida al protocollo Gprs.
Questi dispositivi di misura sono compatibili con tutti i sensori della gamma ISOMAG (a inserzione o flangiati fino a DN1800) e possono fornire contemporaneamente misure della portata e della pressione.
Il loro impiego è ideale per la gestione di una rete idrica: pratici e affidabili, sono in grado di rilevare, memorizzare (hanno una capacità di registrazione di 4 GByte) e inviare i dati necessari all’individuazione e all’ottimizzazione delle perdite.
La sicurezza dei dati nella comunicazione è garantita dalla crittografia con lo standard TSL/SLL; i dati vengono compressi per ridurre i tempi e i costi di trasmissione; un SMS viene inviato nei casi in cui vengono superate le soglie di allarme.

FLOWIZ può essere alimentato da batterie alcaline o al litio. Le batterie sono integrate e facilmente sostituibili, senza interruzione della misurazione: il loro consumo dipende dall’impostazione di elementi quali scheda, intervallo di campionamento, diametro del sensore, condizioni di collegamento del modem via wireless, frequenza di trasmissione dei dati, quantità di dati raccolti, attività di interfaccia (display/modem). Per valutare la durata delle batterie si può utilizzare il software Power tool: è garantita comunque una durata fino a 15 anni. Opzionalmente FLOWIZ può essere alimentato da rete o da pannello solare: in questo caso le batterie hanno funzione di backup e ciò permette di evitare la perdita di dati in caso di interruzione dell’alimentazione.

I Plus delle batterie alcaline

Sebbene le batterie al litio presentino riconosciuti punti di forza (per citarne alcuni, la capacità di fornire un’elevata potenza, la ricarica in tempi rapidi, la lunga durata di conservazione) la possibilità di poter utilizzare batterie alcaline per l’alimentazione del convertitore FLOWIZ offre vantaggi senza precedenti. Si tratta di batterie primarie smaltibili che utilizzano zinco e manganese con un elettrolito alcalino di idrossido di potassio, alloggiato in un involucro di lega d’acciaio. Le batterie alcaline offrono un giusto equilibrio tra capacità di energia e prezzo. Sono assai più economiche e facilmente reperibili delle batterie al litio. Anche sul piano della sicurezza, l’impiego delle batterie alcaline in determinati contesti è preferibile: le batterie al litio sono infatti fortemente esposte al rischio di incendio, sia cariche che scariche (ricordiamo che se il litio prende fuoco non può essere spento con l’acqua, ma richiede l’utilizzo di sostanze chimiche e schiume speciali). Un altro aspetto da considerare riguarda la procedura di smaltimento e di trasporto: le batterie al litio devono essere trasportate nel rispetto di norme rigorose, le United Nations Model Regulations on Transport of Dangerous goods (norme modello delle Nazioni Unite sul trasporto di merci pericolose). Nello specifico, il documento UN n. 3091 classe 9 si riferisce alle batterie al litio confezionate con l’attrezzatura o all’interno di essa e il documento UN n. 3090 classe 9 regola il trasporto delle batterie a sé stanti.

Se stai già toccando con mano la qualità e i vantaggi del FLOWIZ per la tua applicazione e necessiti di un supporto nella procedura di impostazione, ti invitiamo a visitare il nostro canale Youtube, dove puoi trovare utili video tutorial.

Se vuoi saperne di più sulle caratteristiche tecniche dei misuratori di portata elettromagnetici alimentati a batteria realizzati dalla ISOIL Industria per qualsiasi informazione o consulenza in merito non esitate a contattarci.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.