biogas

Gli impianti biogas fino a 300 KW realizzati da imprenditori agricoli, anche in forma consortile, alimentati con sottoprodotti provenienti da attività di allevamento e della gestione del verde, possono beneficiare degli incentivi previsti dalla norma contenuta nel  decreto di bilancio, approvato in via definitiva dall’Assemblea della Camera il 30 dicembre 2018. L’obiettivo della norma è quello di avviare una  ripresa degli investimenti, favorendo in particolare lo sviluppo di piccoli impianti, principalmente nelle aziende zootecniche, e promuovendone una transizione ecologica e sostenibile secondo un modello di economia circolare e multifunzionale. Gli impianti di biogas agricoli per la produzione di energia funzionano infatti con gli scarti derivanti dalle coltivazioni e dagli allevamenti animali e consentono l’abbattimento delle emissioni inquinanti e un conseguente risparmio economico generale. Il biogas può anche essere purificato e venduto come gas naturale compresso e liquefatto e può essere immesso nella rete del gas, oppure impiegato come alimentazione per i veicoli a metano e per il riscaldamento degli ambienti.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.